Final Fantasy VII: più morti tra i personaggi nella trama originale

Una delle più famose scene della storia dei videogiochi si svolge proprio nell’ormai mitico Final Fantasy VII, quando (allerta Spoiler!) la dolce e candida Aerith Gainsborough viene brutalmente assassinata per mano del diabolico Sephiroth.

Universalmente riconosciuta come una delle sequenze più scioccanti  nella storia videoludica, la morte di Aerith lasciò molti videogiocatori inerti, quasi sconvolti di fronte ai loro televisori; tuttavia, se il regista Yoshinori Kitase avesse avuto carta bianca, il gioco si sarebbe potuto trasformare in un vero e proprio bagno di sangue, con la conseguente dipartita di quasi tutti i principali protagonisti.

Secondo quanto racconta l’affascinante storia della genesi di Final Fantasy VII, redatta dalla rivista online Polygon, Kitase (George Martin ante litteram!) aveva originariamente previsto la morte di ogni singolo membro del party, con la sola eccezione dei tre che il giocatore avrebbe deciso di salvare. La rivelazione ha come fonte niente meno che Tetsuya Nomura, la mente creativa dietro i personaggi e le indimenticabili battaglie del gioco targato Squaresoft; ed è proprio a lui che dobbiamo quella valle di lacrime che seguì la morte di Aerith.

Se la dus morte ci aveva già abbastanza sconvolti, risulta ancora più difficile immaginare un Final Fantasy VII in cui molti più personaggi mordono la polvere. In ogni caso, sebbene l’originale non si sia trasformato in un capitolo del Trono di Spade, non significa che i fan non avranno occasione di godere (o soffrire?) nel vedere la versione originale della storia, nell’imminente Final Fantasy VII Remake.

Come già sappiamo, Final Fantasy VII Remake, sta già apportando notevoli cambiamenti alla trama originale, oltre ad uno svecchiamento del combat system, ed è stato ampiamente suggerito che alcuni cambiamenti nella storia potrebbero significare la vita o la morte di alcuni dei personaggi più amati. Alcuni avevano perfino ipotizzato che questo potesse tradursi in una possibilità di salvare Aerith ma, secondo le ultime rivelazioni, potrebbe anche voler dire che alcuni protagonisti, sopravvissuti nel gioco originale, potrebbero non essere così fortunati una seconda volta.

Tuttavia, cambiamenti radicali nella trama potrebbero sconvolgere l’universo variegato della saga. Potrebbe privare di senso il film sequel in CG Final Fantasy VII: Advent Children e, allo stesso tempo, creare problemi di continuità con altri spin-off della storyline di Final Fantasy VII.

Dato che Final Fantasy VII si presenta come remake, forse è più logico aspettarsi un completo reboot della storia, specie se sono previste vittime tra i personaggi principali. Nel frattempo, i fan dovranno accontentarsi di immaginare cosa sarebbe successo se l’idea originale di Kitase avesse preso forma nel lontano 1997.

Altri articoli in News

candela

Resident Evil 7, adoro quel dolce profumo di zombie la mattina

Davide Falco16 gennaio 2017
Super Mario Odyssey

Super Mario Odyssey – Mostrate con un gameplay le meccaniche base

Alessandro d'Amito16 gennaio 2017
Phil Spencer

Phil Spencer commenta l’evento Nintendo Switch

Alessandro d'Amito16 gennaio 2017
1484503766_x8JbF4papi4-720p

Ultra Street Fighter II – Trailer del remake per Nintendo Switch

Alessandro d'Amito16 gennaio 2017
Resident-Evil-7

Resident Evil 7 – Capcom ha inviato alle redazioni una videocassetta e un videoregistratore

Marco Pasqualini15 gennaio 2017
SI_WiiU_TheLegendOfZeldaBreathOfTheWild

Nintendo Switch: rivelata cartuccia di Zelda Breath of the Wild

Davide Falco15 gennaio 2017