Ghost in the Shell: continuano le polemiche sul live-action

Cinema
@https://twitter.com/imma_marzovilli

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Matera dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma e Dublino. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia alle superiori, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Si potrebbe dire che il live-action di Ghost in the Shell abbia generato più polemiche che aspettative. L’uscita del film è prevista per il 2017 e già il fatto che a dirigerlo fosse Rupert Sanders aveva generato non pochi malcontenti.

Le polemiche, comunque, sono iniziate ancor prima, più precisamente ad Aprile. Proprio a quel mese risalgono, infatti, le prime immagini del live-action, rese pubbliche da DreamWorks e Paramount Pictures. I primi drammi nacquero a causa di queste ultime in cui comparve, nelle aderenti vesti del Maggiore Motoko Kusanagi, la biondissima Scarlett Johansson.

I fan più puristi rimasero molto delusi, perché il maggiore Kusanagi è, nel manga e in tutti i vari “prodotti” che da questo hanno preso vita, una donna asiatica, come più volte ribadito dal creatore della serie, Masamune Shirrow.

ghost

Motoso Kusanagi nell’anime e nel live-action

Non si è però fatta attendere la replica del produttore del live-action statunitense, Steven Paul (il cui studio sembra intenzionato a produrre anche la trasposizione cinematografica del manga Lone Wolf and Cub), che avrebbe dichiarato: “Penso che tutti i fan alla fine saranno davvero felici. E saranno davvero, davvero, davvero felici quando vedranno ciò che effettivamente abbiamo realizzato, e non penso che qualcuno disapproverà. Ci saranno ogni sorta di persone e nazionalità, proprio come nel mondo di Ghost in the Shell. Stiamo utilizzando attori che provengono da ogni parte del mondo”.

Secondo le parole del produttore, quindi, tutti i fan potranno dormire sonni tranquilli fino all’uscita del live-action.

Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli in Cinema

Addio al soldato Hudson: morto Bill Paxton

Marco Pasqualini28 febbraio 2017
LEGO Batman film

LEGO Batman accusato di propaganda gender

Alessandro d'Amito27 febbraio 2017
Spider Man Vincent d'Onofrio

Vincent d’Onofrio vorrebbe partecipare ad un film di Spider-Man

Alessandro d'Amito27 febbraio 2017

L’Oscar di Animali Fantastici è il primo per un film sulla serie di Harry Potter

Alessandro d'Amito27 febbraio 2017
razzie awards 2017

Razzie Awards 2017 – tutti i premi assegnati

Alessandro d'Amito27 febbraio 2017
Oscar Miglior Film

La La Land vince l’Oscar come Miglior Film, ma è solo un errore

Alessandro d'Amito27 febbraio 2017