Jungle Speed – Recensione

BDQ: Boardgames di Qualità
Stefano Zappa

Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Il gioco di oggi è Jungle Speed, ideato da Thomas Vuarchex e Pierrick Yakovenko nel 1997. È indipendente dalla lingua ad eccezione del regolamento, ma è comunque disponibile la versione in italiano a cura di Asterion Press.

  • Giocatori: 2-10 o più
  • Durata: 20 minuti
  • Età consigliata: dai 7 anni in su
  • Prezzo: 24,90€ (edizione deluxe)

Si tratta di un party game e il tema è un semplice pretesto per presentare le regole: la tribù degli Abouloubou deve eleggere un nuovo capo e si affida al metodo tradizionale del gioco Jungle Speed come da consuetudine millenaria.

COMPONENTI

Le componenti del gioco sono essenziali. Oltre al regolamento troviamo un totem in legno, 80 carte quadrate, suddivise in carte simbolo (con colori e simboli diversi) e carte speciali ed un sacchetto di stoffa per trasportare comodamente il gioco.

 

 

IL GIOCO IN BREVE

Come per tutti i titoli Asterion il regolamento è disponibile online gratuitamente.

A inizio partita il totem viene posto al centro del tavolo in modo che sia facilmente raggiungibile da tutti i giocatori. Viene poi diviso il mazzo di carte per il numero di partecipanti e si comincia la partita. Il giocatore di turno gira la prima carta del proprio mazzo e così fanno tutti gli altri in successione. Quando viene girata una carta che ha lo stesso simbolo di un’altra a prescindere dal colore inizia il duello. I due giocatori interessati devono prendere il totem al centro del tavolo. Il primo che ci riesce vince e consegna tutte le carte che ha scoperto fino a quel momento all’avversario. Se un giocatore confonde la carta e partecipa a un duello anche se non dovrebbe, sarà costretto a prendere i mazzi di scarto di tutti gli altri. Ci sono poi alcune carte speciali:

  • OLALA = carta con rappresentate frecce verso l’interno. Quando viene rivelata tutti i giocatori devono prendere il totem.
  • AYAYAY = carta con frecce colorate. Da questo momento i duelli partiranno con carte di colore uguale a prescindere dal simbolo.
  • WOPOPOP = carta con frecce verso l’esterno. Tutti i giocatori girano contemporaneamente la prima carta del proprio mazzo con conseguenti possibili duelli.

Il primo giocatore che riesce a liberarsi del proprio mazzo di scarti vince la partita.

COMMENTI

Jungle Speed è un gioco semplicissimo, adatto a chiunque. Essendo un party game è indicato per serate tra amici dove è più importante il divertimento immediato rispetto ai ragionamenti e alle strategie richieste da giochi più lunghi. I simboli sulle carte sono molto simili tra loro e necessitano uno sguardo attento prima di affrontare i duelli. Jungle Speed è un ottimo gioco che può sostituire la noiosa tombola delle feste.

ESPANSIONI

Negli anni sono uscita diverse edizioni del gioco con relative espansioni. Al momento le espansioni disponibili per il mercato italiano sono:

  • JS L’Espansione = include 80 carte con nuovi simboli più difficili da riconoscere
  • JS Safari = il gioco può anche essere giocato senza Jungle Speed base. Ci sono cinque totem al posto di uno e un set di regole diverse. Introduce gli animali selvatici.
  • JS 20 Anni = in occasione del ventesimo anniversario è uscita questa versione che oltre alle 80 carte base include 72 nuove carte.
Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Altri articoli in BDQ: Boardgames di Qualità

cover

Jamaica – Recensione

Stefano Zappa15 novembre 2016
dungeons-and-dragons-5e-logo

Dungeons and Dragons: il gioco di ruolo entra nella Toy Hall of Fame

Angelo Tartarella13 novembre 2016
swx36_cover_art-2400x1200-832041544606

Star Wars: X-Wing – Recensione

Stefano Zappa8 novembre 2016
cosmic-encounter-cover

Cosmic Encounter – Recensione

Stefano Zappa25 ottobre 2016
giochi-uniti-il-trono-di-spade-il

Il Trono Di Spade – Recensione

Stefano Zappa18 ottobre 2016
takenokobg

Takenoko – Recensione

Stefano Zappa11 ottobre 2016