Pokémon GO: viaggiare per completare il pokédex

News
Emanuele Greco

Nato a Palermo non troppo tempo fa, si approccia al mondo del gaming alla tenera età di 6 anni con una PSP, espandendo a dismisura la sua passione negli anni successivi. Ama tutti gli FPS e Free Roaming di ogni genere, tranne giochi sportivi e giochi simulativi. Crescendo sviluppa anche una passione per la tecnologia, riuscendo a soli 8 anni l’impresa di Jailbreak del suo iPhone 3GS. Da allora [..]

Secondo quanto emerso dal noto sito Serebii, per completare il pokédex di Pokémon GO, sembra essere necessario viaggiare anche in altri paesi.

Alcuni pokémon, infatti, potranno essere catturati solo in alcuni dei contenenti. Ecco alcuni esempi:

  • Europa: Mr Mime;
  • Giappone: Farfetch’d;
  • Nord America: Tauros;
  • Australia: Kangaskhan.

Per completare il pokédex, quindi, un allenatore dovrebbe investire non pochi soldi per viaggiare e trovare i pokémon non presenti nel suo paese.

Inoltre, ovviamente, non basterà prendere l’aereo per trovare il pokémon. Sarà necessario andare a caccia di quest’ultimo, così come fareste per tutti gli altri nel vostro paese. L’impresa sembrerebbe dunque difficile, anzi impossibile ma, essendo scattata la Pokémon GO-mania, non resta che aspettare per sapere chi riuscirà per primo a completare il pokédex.

Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli in News

Xbox Scorpio: la console mostrerà la sua vera potenza tra un paio di anni

Giuseppe Barbieri23 febbraio 2017
Killzone

[RUMOR] Killzone 5, in sviluppo presso Guerrilla Games?

Giuseppe Barbieri23 febbraio 2017
Futurama

Futurama, in arrivo il gioco per iOS e Android

Giuseppe Barbieri23 febbraio 2017
Crash Bandicoot

Crash Bandicoot N. Sane Trilogy e la “Special Edition” misteriosa

Giuseppe Barbieri23 febbraio 2017

NieR: Automata, annullata l’uscita per PC in contemporanea a Playstation 4?

Giuseppe Barbieri23 febbraio 2017
NieR:Automata

NieR:Automata: breve gameplay mostra l’utilizzo degli Auto-Chip

Giuseppe Barbieri23 febbraio 2017