Recensione: Suicide Squad – Missione Speciale

Recensioni
Emanuele Greco

Nato a Palermo non troppo tempo fa, si approccia al mondo del gaming alla tenera età di 6 anni con una PSP, espandendo a dismisura la sua passione negli anni successivi. Ama tutti gli FPS e Free Roaming di ogni genere, tranne giochi sportivi e giochi simulativi. Crescendo sviluppa anche una passione per la tecnologia, riuscendo a soli 8 anni l’impresa di Jailbreak del suo iPhone 3GS. Da allora [..]

Dopo la recente uscita del film che ha fatto impazzire il mondo, Suicide Squad sta continuando a far parlare di se con un nuovo videogioco per piattaforme mobile, disponibile sugli store iOS e Android.

Premesso che non abbia visto ancora il film della Warner Bros ma ne abbia sentito parlare bene, mi aspettavo mentre lo scaricavo, un titolo godibile e divertente ispirato al film. Dal trailer già vedevo degli aspetti poco gradevoli ma ho sorvolato il tutto. Ho giocato il titolo per circa due ore, fatto diverse partite e questo è il mio personalissimo giudizio. L’applicazione, dal menù, sembra un porting molto fedele dei personaggi del film. Niente di più falso.

Appena entrati vediamo una cinematica di scarsissima qualità, nonostante la grafica impostata al massimo, che dura pochissimi secondi. Subito veniamo catapultati in gioco nei panni di DeadShot, ove dovremo eseguire un lungo tutorial spiegandoci le basi del gioco. Non appena si inizia a camminare si nota qualcosa che non va: il gioco va totalmente a scatti già dai primi secondi. Dopo un po’ vi ritroverete faccia a faccia con dei nemici, la cui IA è rasente allo zero, e dovrete sparargli. Il fatto è che appena vi si avvicineranno la vostra mira scatterà verso la loro testa e sparerete senza muovere un dito. Detto ciò ho disattivato l’auto mira ma a malincuore mi sono accorto che basta puntare i nemici per sparare. Potrebbe essere un’ottima scelta se si vuol fare giocare dei bambini piccoli per facilitargli l’esperienza, ma dopo 2 minuti il gioco inizia a diventare monotono, semplice e senza alcun significato gratificante.

Altro punto negativo è che, al contrario di ciò che ti fanno credere all’inizio, non c’è nessuna storia. Si tratta infatti di un gioco ad orde: vi spostate in una zona, arrivano i nemici, li eliminate, vi spostate in un’altra zona e il tutto ricomincia. Il brutto è che non c’è una fine, vi ritroverete a rifare lo stesso giro, con gli “obiettivi” negli stessi punti, per ore. Per obiettivi s’intendono degli approvvigionamenti che vi fanno scegliere fra due potenziamenti e niente più.

IMMAGINI IPHONE 3 720

Parlando di grafica, come già accennato, non mi aspettavo particolari cose visto che si tratta di un gioco mobile. Ma quantomeno una roba decente: la grafica è totalmente in 2D nelle cinematiche, nelle finestre dei palazzi la prospettiva è in realtà una serie di immagini ferme che però, vista la poca libertà di movimento, guardi sempre nello stesso modo e quindi sembrano “animate”. Le animazioni sono ripetitive e scattano molto, i proiettili che sparate sembrano dei tubi rossi che volano via dalla vostra arma e il fuoco sembra una patina che si posiziona sul vostro HUD.

IMMAGINI IPHONE 3 719

La giocabilità è molto ristretta. A fine di ogni round potremo scegliere se cambiare personaggio o rimanere con l’attuale. Abbiamo come personaggi El Diablo, Deadshot e Harley Quinn. Il primo è senza dubbio il più forte, con l’unica arma ovvero il fuoco, devasta i nemici e ancor di più la sua abilità, la quale permette di spazzare via un’intera orda in due secondi, basta che abbiate tutti nella vostra inquadratura. Deadshot è quasi inutile visto che ha un fucile e delle armi nel braccio, le quali non sono un granché e non uccidono mai i nemici fatta eccezione quando si fanno colpi alla testa (cosa che, stranamente, è possibile fare solo con questo personaggio). La sua abilità rallenta il tempo dandovi la possibilità di mirare meglio alla testa dei nemici. Harley invece è utile nei primi round, mentre più si sale più ci si rende conto che si potrebbe giocare per ore solo con El Diablo girando in tondo su se stessi e decimando così i nemici. Possiede una mazza da baseball e una revolver, con il quale però non si possono eseguire colpi alla testa. L’abilità consente di correre velocemente dai nemici per dargli una mazzata fortissima e ucciderli, quasi sempre, in un colpo (tutto ciò viene eseguito in automatico dal gioco, l’utente può fare altro nel mentre che quest’abilità è attiva). Le armi dei personaggi avranno delle munizioni limitate, se si tratta di fucili o pistole, ma che potranno essere reperite facilmente nei tanti punti di ricarico. Invece le munizioni  dell’arma caratteristica del vostro personaggio (fuoco, arma laser e mazza da baseball) saranno illimitate, pertanto vi troverete ad utilizzare solo queste ultime in quanto sono le armi più forti e non necessitano di essere ricaricate.

IMMAGINI IPHONE 3 718

CONCLUSIONI

Personalmente, ho trovato il gioco molto noioso e ripetitivo, adatto ad un pubblico di tenera età o a chi comunque, non cerca nulla di troppo impegnativo. Sicuramente per i bilanciamenti o l’aggiunta di nuovi personaggi bisognerà aspettare un po’ ma, Warner Bros, ha fallito miseramente l’obiettivo proposto. Nonostante veda delle recensioni di gente entusiasta e addirittura stupita, non lo consiglio per i motivi sopra elencati. Il gioco risulta essere (fortunatamente) gratuito e potete comunque provarlo tranquillamente.

Suicide Squad - Missione Speciale

Gratuito
Suicide Squad - Missione Speciale
2

Gameplay

2/10

    Grafica

    2/10

      Storia

      1/10

        Musica

        3/10

          Pros

          • Gratuito

          Cons

          • Non adatto ad un pubblico maturo
          • Noioso e ripetitivo
          • Bilanciamenti personaggi inesistente
          Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

          Lascia un commento

          Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

          Altri articoli in Recensioni

          For Honor: Recensione della campagna

          Alessandro Niro21 febbraio 2017

          The Wardrobe, la recensione – NO SPOILER

          Alessandro d'Amito20 febbraio 2017

          Sword Art Online Memory Defrag – la recensione del gioco mobile (No Spoiler)

          Alessandro d'Amito2 febbraio 2017

          Resident Evil 7, la recensione – NO SPOILER

          Riccardo Cantù27 gennaio 2017
          Super Mario Run

          Super Mario Run, la recensione

          Alessandro d'Amito16 dicembre 2016

          Destiny: I Signori del Ferro, la recensione

          Alessandro Niro11 ottobre 2016