Recensioni
Maria Elena Sirio

Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Dando un’occhiata nello store del mio smartphone, all’interno della categoria Arcade, mi sono imbattuta in SQUARID, sparatutto-arcade disponibile gratuitamente sugli store di smartphone e tablet.
L’applicazione, firmata Kolmiga Studio, è nata ai piedi delle montagne del Piemonte grazie all’impegno di un piccolo gruppo di sviluppatori indipendenti.

Trama già vista, eppure completamente innovativa

In SQUARID dovrete rivestire i panni di Vilmer, un pollo coraggioso che si ritrova costretto, con la sua navicella, a proteggere la Terra da alcuni invasori alieni. Per proteggere il mondo, oltre a respingere gli attacchi del temibile Karpal Launcher, dovrete accumulare punti durante le battaglie, in modo tale da poterli poi sfruttare per potenziare il più possibile l’equipaggiamento del protagonista pennuto.

Concept semplice e già visto in precedenza ma sempre vincente, realizzato mediante la fusione di elementi classici con altri più innovativi. La storia, che potrà sembrare lineare, è invece molto varia, grazie alla possibilità di personalizzare l’equipaggiamento acquistando bonus aggiuntivi.

Semplicità, colore e forme intuitive

SQUARID realizza una trama che riporta molto a Space Invaders e ai vecchi cabinati, tutto mediante una grafica semplice e colorata, che infonde allegria e spinge a prestare molta attenzione all’ambiente di gioco. L’applicazione mostra una stile da cartone animato, basato su contorni ben definiti e forme poligonali, in cui spicca un pollo dall’aria forzuta.
Forme intuitive e colorate che, anche se non troppo dettagliate a causa delle piattaforme a cui il gioco è destinato, rendono il design di gioco estremamente accattivante.

Effetti e musica che spingono a distruggere il nemico

Ad aiutare il giocatore a concentrarsi e respingere gli alieni è la musica, incalzante e perfetta anche per le scene con più azione. Il laser della navicella di Vilmer, grazie ad un suono leggero, non distoglie l’attenzione dall’obbiettivo da raggiungere. A stupire e, nei momenti più concitati, a far saltare sulla sedia, è “l’urlo di dolore” del protagonista alato, che porta ad impegnarsi ancora di più per non farlo soffrire oltre.

Semplice da capire, semplice da giocare

Molto spesso applicazioni e giochi sono introdotte da lunghi (e fastidiosi) tutorial, che portano a stufarsi ancora prima di aver iniziato a giocare. In SQUARID si viene subito introdotti in battaglia, nel bel mezzo del divertimento, e già dalle prime fasi di gioco si possono comprendere obbiettivi e comandi. Questi ultimi sono facili da capire e assimilare, anche grazie alle piattaforme a cui il gioco è destinato.
L’unico modo per sconfiggere il nemico e ottenere punti è, infatti, “tappare” lo schermo, in modo tale da sparare ai cubi lanciati dalla navicella aliena e agli alieni stessi.
Poche meccaniche dunque, che rendono SQUARID un titolo “leggero”, di puro divertimento e non di frustrazione.

All’interno dello sparatutto sono inoltre presenti diverse battaglie con boss, ognuna affrontabile soltanto dopo un buon numero di livelli, che crescono man mano di difficoltà. Per poter battere questi temibili nemici sarà necessario intuire la loro tattica, poiché ogni boss avrà un proprio stile di combattimento e delle abilità particolari.

Problemi di longevità?

Dopo un certo numero di partite, SQUARID potrebbe perdere un po’ del suo iniziale fascino a causa della meccanica sempre uguale. A spingere a proseguire la sfida è il desiderio di scoprire e sconfiggere tutti i boss presenti nel gioco, così come le loro differenti abilità. Kolmiga Studio, per dare un pizzico di brio alla battaglia, ha però creato anche i bonus, unici elementi a pagamento presenti nel gioco, necessari per personalizzare l’equipaggiamento.
Il team di sviluppatori è, inoltre, sempre al lavoro per produrre nuovi contenuti in grado di movimentare il gameplay, come nuovi livelli, boss, bonus e abilità.
Il titolo, dunque, è ancora tutto da scoprire e sempre in cambiamento!

Parliamo di piattaforme e prestazioni

Inizialmente SQUARID occupava un buon quantitativo di spazio e, senza una buona connessione, poteva risultare difficile da scaricare. Grazie allo sviluppo di patch correttive e alla compressione di diversi elementi, ora impegna poca memoria e non rallenta né surriscalda troppo i dispositivi, a patto ovviamente di non giocarci per ore e ore di seguito.
Alcune difficoltà potrebbero presentarsi su dispositivi con particolari sistemi operativi o con una memoria disponibile troppo limitata. Per ottenere prestazioni eccellenti è comunque consigliabile avere un dispositivo con buone potenzialità tecniche.
Così come per gli elementi del titolo però, anche la parte riguardante le prestazioni e il funzionamento è sempre in aggiornamento, e Kolmiga Studio ha intenzione di migliorare il gioco per renderlo disponibile su più piattaforme possibili.

Qualche considerazione finale

SQUARID non sarà un’applicazione perfetta, ma può essere un piacevole passatempo grazie all’elemento di sfida e al suo stile semplice e accattivante. Il gioco si adatta sia ad un patito del genere sia ad un utente con gusti più ampi, perché si rivela essere in grado di divertire e, allo stesso tempo, di mantenere la mente leggera.

 

SQUARID

SQUARID
7.75

Storia

6/10

    Grafica

    8/10

      Musica e effetti

      9/10

        Godibilità

        8/10

          Pros

          • Trama classica ma realizzata in maniera originale
          • Colorato, semplice, intuitivo e divertente
          • Disponibile sia in inglese sia in italiano
          • Basato su una sfida sempre più impegnativa, con molti livelli e boss
          • Disponibile gratuitamente (fatta eccezione per i bonus)

          Cons

          • Gameplay può annoiare dopo molte ore di gioco
          • Difficiltà tecniche su certi dispositivi di fascia bassa

          Altri articoli in Recensioni

          Lego Worlds: I’m a Lego fan in a bugged Lego World – Recensione (No Spoiler)

          Angelo Tartarella17 marzo 2017
          NieR:Automata

          NieR: Automata, la recensione – NO SPOILER

          Giuseppe Barbieri13 marzo 2017

          For Honor, la recensione

          Alessandro Niro27 febbraio 2017

          For Honor: Recensione della campagna

          Alessandro Niro21 febbraio 2017

          The Wardrobe, la recensione – NO SPOILER

          Alessandro d'Amito20 febbraio 2017

          Sword Art Online Memory Defrag – la recensione del gioco mobile (No Spoiler)

          Alessandro d'Amito2 febbraio 2017