Super Mario Run, la recensione

Recensioni
Alessandro d'Amito
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Fanatico caotico alla continua ricerca di qualcosa da fare. Fondamentalmente un fancazzista!

Ieri è stato il giorno del lancio ufficiale di Super Mario Run, primo gioco sviluppato per smartphone e tablet da Nintendo, visto che Pokémon GO è stato sviluppato da Niantic e MiiTomo, non è propriamente un gioco quanto un espediente social per far creare il proprio account Nintendo.

Super Mario Run

SCARICABILE GRATUITAMENTE SI, MA…

Scaricabile gratuitamente tramite AppStore da giovedì 15 dicembre per iPhone ed iPad, è possibile giocare i primi tre livelli della modalità Giro dei Mondi. Per poter aver accesso a tutti i livelli disponibili, sarà necessario pagare 9,99€, cifra che ci garantirà anche 3000 monete, un blocco (?) e 20 biglietti sfida. L’unica differenza che abbiamo notato tra le versioni iPhone ed iPad è la comodità maggiore che si ha nel giocare sul primo, per via delle dimensioni del dispositivo e le leggere imperfezioni grafiche nella versione iPad (per lo stesso motivo).

Esistono tre diverse aree di gioco:

  • il Giro dei Mondi, dove si selezionano e si completano i livelli veri e propri;
  • il Regno, dove è possibile giocare a dei mini-giochi ad intervalli regolari ed “arredare” lo spazio a disposizione con oggetti e case
  • le Sfide Toad, dove è possibile competere contro altri giocatori per poter ottenere Toad (che andranno a popolare il Regno).

Quest’ultima è quasi una modalità classifica dove metteremo in palio i nostri Toad per vincerne altri e dove, per partecipare, dovremo pagare un biglietto sfida per ogni partita (ottenibili giocando o pagando).

Super Mario Run

COME FUNZIONA?

Ad ogni livello è assegnato un tempo limite per il completamento ed un punteggio record basato sulla quantità di monete raccolte. Mario correrà in automatico verso l’obiettivo, saltando in automatico piccoli nemici ed ostacoli, mentre il nostro compito, sarà quello di farlo saltare per raccogliere più monete possibile. Più terremo il dito premuto sullo schermo, più il nostro idraulico baffuto salterà in alto. Ogni livello metterà alla prova la nostra abilità con set di cinque monete sparse nel quadro, da raccogliere in un’unica run, che ci darà punti bonus e ci permetterà di sbloccare il set successivo, per un totale di tre, con difficoltà crescente (già di base abbastanza alta).

Nella modalità Sfida il funzionamento di base è lo stesso, ma il nostro scopo non sarà arrivare in fondo al livello ma raccogliere più monete e fare più punti del nostro avversario.

Molta pressione è stata fatta per non definire Super Mario Run un endless run, come Temple Run o Lara Croft Relic Run, ma di certo non è assolutamente definibile come un Super Mario giocabile con una mano. Abbiamo tra le mani un titolo interessante e difficile da padroneggiare e completare, cosa che è chiara sin dai primi livelli, ma non è un gioco che si discosta troppo da altri titoli del genere, come Rayman Fiesta Run.

Super Mario Run

Se bisogna fare un plauso a Nintendo, è quello di aver confezionato un gioco lontano dalle meccaniche dei free to play (che infettano giochi a pagamento dello stesso genere), lasciando lo spazio per acquisti ma legandoli soprattutto a fattori estetici del titolo e premiando il giocatore che spende effettivamente tempo a provare e riprovare i vari livelli. Detto chiaramente: scordatevi di superare i vari livelli mettendo mano al portafoglio.

È importantissimo far notare che Super Mario Run riesce perfettamente a cogliere le atmosfere del franchise Super Mario, proponendo una grafica colorata e accattivante, rivisitando la classica colonna sonora in maniera stupenda e proponendo livelli vari e diversi tra loro, sia per impatto visivo, che per tema e difficoltà.

I comandi di gioco sono semplicissimi e il gioco stesso risponde in maniera pronta e tempestiva. Potreste voler storcere il naso solo per questo continuo parkour che Mario non ha mai fatto, ma solo se siete dei puritani del franchise.

Super Mario Run

GRATUITO MA A PAGAMENTO…

Dieci euro sono effettivamente tanti, sia se consideriamo il mobile in generale che se ci focalizziamo sui titoli “auto run”, ma c’è da dire che gratuitamente abbiamo il titolo completo con solo la modalità Giro dei Mondi limitata ai primi tre livelli. Non è una demo, ma il gioco vero e proprio con tanto di Sfida dei Toad accessibile e progressi salvati tramite Account Nintendo. Se non vi farete prendere dalla smania di competere o di collezionare tutte le monete nei vari mondi, potreste obiettare che il gioco non è molto longevo, ma non lo sarebbe per voi nemmeno completo di tutti i suoi 24 livelli. Semplicemente, non è il gioco che fa per voi.

L’ultimo punto dolente è la necessità di dover essere sempre connessi. Per quanto sia una scelta antipatica e non necessaria per Giro dei Mondi, è una decisione comprensibile per combattere le copie piratate del gioco e necessaria sia per il Regno che per la Sfida dei Toad, entrambi legati a componenti online.

Super Mario Run

CONCLUSIONI

Piacevole, difficile e semplice da giocare, la cosa migliore che ogni possessore di iPhone o iPad possa fare, è scaricare Super Mario Run e cimentarsi nei livelli del mondo 1. Se la sfida vi prende e credete che il gioco faccia al caso vostro, procedete pure con l’acquisto, altrimenti avrete impegnato un po’ di tempo con la prima creatura Nintendo per il mobile.

Super Mario Run

Super Mario Run
7.5

Gameplay

8/10

    Grafica

    8/10

      Colonna Sonora

      8/10

        Multiplayer

        7/10

          Rigiocabilità

          7/10

            Pros

            • Semplice ma difficile
            • Atmosfera azzeccata
            • Musiche molto belle
            • Libero dal pay to win
            • Più di una demo gratuita

            Cons

            • Prezzo un po' alto
            • Necessita di connessione
            • Rigiocabilità non molto alta
            Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

            Lascia un commento

            Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

            Altri articoli in Recensioni

            For Honor: Recensione della campagna

            Alessandro Niro21 febbraio 2017

            The Wardrobe, la recensione – NO SPOILER

            Alessandro d'Amito20 febbraio 2017

            Sword Art Online Memory Defrag – la recensione del gioco mobile (No Spoiler)

            Alessandro d'Amito2 febbraio 2017

            Resident Evil 7, la recensione – NO SPOILER

            Riccardo Cantù27 gennaio 2017

            Destiny: I Signori del Ferro, la recensione

            Alessandro Niro11 ottobre 2016

            SQUARID: recensione del gioco nato sotto le montagne Piemontesi

            Maria Elena Sirio30 settembre 2016