Takenoko – Recensione

BDQ: Boardgames di Qualità
Stefano Zappa

Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Takenoko è un gioco di Antoine Bauza. È uscito nel 2011 ed è possibile reperire l’edizione italiana grazie ad Asterion Press.

Il gioco è ambientato ai tempi del Giappone imperiale, dove bisognerà prendersi cura dei giardini dell’imperatore, facendo crescere piante di bambù e prestando attenzione al goloso panda dono dall’imperatore cinese.

  • Giocatori: da 2 a 4
  • Durata: 45-60 minuti
  • Età consigliata: dagli 8 anni in su
  • Prezzo: 34,90€

COMPONENTI

Nella scatola troviamo delle tessere esagonali di 3 colori diversi, giallo, rosa e verde, rappresentanti le sezioni di giardino. Ci sono poi delle sezioni di bambù impilabili degli stessi colori delle tessere. Non mancano le carte, utili ad indicare gli obiettivi da raggiungere. Troviamo inoltre le miniature pre-dipinte in gomma dura del panda e del giardiniere di corte e alcuni bacchette rettangolari blu ad indicare i canali di irrigazione. Completano la componentistica il dado condizioni atmosferiche, alcuni segnalini e le plance riassuntive per ciascun giocatore. Tutto il materiale segue uno stile fumettoso molto azzeccato per il titolo.

 

 

IL GIOCO IN BREVE

Il regolamento di Takenoko, come per tutti i titoli Asterion, è reperibile online, ma le regole sono molto semplici.

Prima di cominciare la partita si piazza la tessera sorgente iniziale. Ogni giocatore pesca poi 3 carte per ciascuna tipologia di obiettivo (terreni, giardiniere e panda). Ogni tipologia di obiettivo fornisce punti che si possono ottenere per numero di bambù cresciuti, numero di bambù mangiati dal panda o combinazioni di tessere giardino sul tavolo.

Durante il proprio turno il giocatore può effettuare due azioni diverse tra queste cinque:

  • Posizionare sul tavolo una tessera giardino.
  • Prendere un canale di irrigazione. Può posizionarlo subito sul lato di una tessera o conservarlo.
  • Spostare il giardiniere. Se la tessera di arrivo è irrigata cresce un bambù, così come su tutte le tessere adiacenti dello stesso colore.
  • Spostare il panda, che mangerà una sezione di bambù nella tessera di arrivo.
  • Pescare una carta obiettivo.

A queste azioni si aggiunge l’effetto del meteo che deriva dal dado condizioni atmosferiche. Infatti, prima di ogni turno, il giocatore tira il dado ne applica l’effetto:

  • Nuvole = il giocatore può scegliere un segnalino miglioria
  • Pioggia = su un terreno irrigato cresce un bambù
  • Sole = il giocatore ha un’azione extra
  • Temporale = il giocatore può spostare il panda su qualsiasi sezione
  • Vento = il giocatore può eseguire due volte la stessa azione
  • Punto di domanda = il giocatore sceglie l’effetto che desidera

La partita termina quando si soddisfano le condizioni di una determinata quantità di carte obiettivo a seconda del numero di giocatori. Vince ovviamente chi ha il punteggio più alto.

COMMENTI

 Takenoko è un gioco adatto alle famiglie per via della sua leggerezza e semplicità. Inoltre la grafica in stile fumetto aiuta ad indirizzare il target.

Le partite scorrono molto velocemente e senza intoppi. La tipologia di gioco non induce infatti a riflessioni troppo complesse che potrebbero rallentare lo svolgimento.

I componenti sono molto curati: le tessere giardino sono sufficientemente spesse, così come le carte obiettivo. Meritano una menzione particolare le sezioni di bambù in plastica colorata e impilabili.

Takenoko rappresenta un’ottima alternativa ai classici Monopoly e Risiko per introdurre giocatori occasionali nel mondo dei Boardgames Di Qualità.

ESPANSIONI

Al momento esiste una sola espansione per il gioco. Si tratta di Takenoko Chibis. Il gioco introduce un nuovo panda, una femmina per l’esattezza, con la conseguente presenza di cuccioli, nuove tessere e nuovi obiettivi. Takenoko base è molto divertente anche da solo, ma se sentite la necessità di aggiungere varietà al titolo, quest’espansione è molto curata.

Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli in BDQ: Boardgames di Qualità

Jamaica – Recensione

Stefano Zappa15 novembre 2016

Dungeons and Dragons: il gioco di ruolo entra nella Toy Hall of Fame

Angelo Tartarella13 novembre 2016

Star Wars: X-Wing – Recensione

Stefano Zappa8 novembre 2016

Jungle Speed – Recensione

Stefano Zappa1 novembre 2016

Cosmic Encounter – Recensione

Stefano Zappa25 ottobre 2016

Il Trono Di Spade – Recensione

Stefano Zappa18 ottobre 2016